Le Ali spezzate – Memoriale

Il 21 settembre 2008 a Villaricca di Giugliano, provincia di Napoli, si è tenuta la prima presentazione del libro Le Ali Spezzate
di Vincenzo Palladino
. Io ero presente in qualità di “nipote acquisita” e rappresentante di Caravaggio Editore. Ho lavorato al suo libro in qualità di editor e l’ho recensito su Bookland. Sarò stata di parte? Beh Vincenzo è un vero personaggio e ha una famiglia meravigliosa, che ringrazio ancora dell’accoglienza… e dei limoni…


recensione a cura di Alessandra Di Gregorio


le-ali-spezzate1

Autore: Vincenzo Palladino

Editore: Caravaggio Editore

Collana: Recordatio

Anno di pubblicazione: 2008

Codice ISBN: 8895437195

pagine: 112

« La forza di un uomo non si misura in base a quanto può vedere, indi dominare con la propria ingorda vista, quanto piuttosto in base a ciò che riesce a fare senza poter vedere nulla con gli occhi fisici, e utilizzando unicamente quelli dell’anima. Non siamo di fronte ad un best seller, ma ad un pezzo di storia personale importante e decisiva, che si innesta nella storia d’Italia all’altezza della Seconda Guerra Mondiale, proprio all’indomani di una tragica svolta… Palladino, lungi dal voler coltivare velleità artistico-letterarie, mette se stesso a nudo in un memoriale poetico nella sua tragica semplicità, rivestito di dolcezza quando non di affetto e compassione per i sofferenti, i derelitti e le persone minate nel fisico e nello spirito. Palladino a 13 anni perse la vista. Oggi è un signore attempato eppure a vederlo non lo diresti. E’ un nonno felice e un patriarca fiero, ma è soprattutto un uomo impegnato nel sociale al fianco e al sostegno di altri non vedenti ed ipovedenti, cui ha dedicato non solo la sua vita, ma anche questo libro intriso d’emozione. Come ci conferma lui stesso in queste brevi pagine, l’idea del libro lo ha aiutato a mettere mano ad una serie intricata di spiacevoli ricordi che, senza la retorica impersonale che un cronista adotterebbe per narrare un fatto, si carica di nostalgia e consapevolezza che il rifiuto della luce non è mai giunto veramente, ma che la luce stessa si è irradiata su di lui da quel giorno maledetto in avanti, per non abbandonarlo mai più.»

Adg.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: