Lisa e Cécile – Romanzo

Ringrazio Cristiana Longhi per avermi sopportata.

recensione a cura di Alessandra Di Gregorio.


lisa-cecile

Titolo: Lisa e Cécile
Autori: Cristiana L., Maria Rosa C.
Editore: Borelli
Data di Pubblicazione: 2007
Collana: Pizzo nero. Black lace
ISBN-13: 9788886721653
Pagine: 160
Reparto: Narrativa italiana

« Il romanzo Lisa & Cècile edito nel 2007 da G. Borelli, per la nota collana di letteratura erotica Black Lace, è scritto da due amiche che si alternano con la penna tra un capitolo e l’altro, producendo quello che poi si manifesterà ai lettori come un romanzo a puntate, narrante le fantasie erotiche e le avventure sessuali di due disinibite donne della capitale, in un crescendo di sensualità ed emozioni.

A caldo ho subito pensato che il libro mi fosse piaciuto ma con riserva di inquadrarlo meglio. A vederlo si presenta come un collage nel quale vengono esplorate un tot di fantasie “tipo”; fatte vivere alle protagoniste, spesso però senza una gran continuità narrativa. Lisa, il personaggio di Maria Rosa Campanale, è stupenda, forte, selvaggia, una donna matura e fiera, fine, di classe, con i suoi trascorsi e i suoi dolori all’anima. Cécile invece si presenta come una “bambina cattiva”, una donna che usa il sesso spogliandolo della sua morbosità, riuscendoci alla grande e donando attimi di intensa spensieratezza. Cècile è il personaggio di Cristiana Longhi, la quale riesce non solo a farci vedere le due amiche accennando a rapporti che vengono più sottintesi che mostrati (specie nelle varie scene dalla sensualità più esplicita), ma anche a farcele immaginare perfettamente persino nella componente anagrafica e fisiognomica. Lisa appare molto più matura, e lo si sente anche nella scrittura della Campanale; Cècile è matura in modo diverso – più che altro ha una fantasia panica molto attraente che passa nella scrittura di capitoli al limite tra la favola e l’epos antico.

I capitoli che ho preferito sono senza dubbio quelli introduttivi, dove le protagoniste si presentano e particolarmente per quanto riguarda la Longhi, segnalo i capitoli: LA FATINA, RICHARD e IL SOGNO; La Fatina e Il Sogno per come sono ideati. C’è molto lirismo anche se appaiono troppo sfuggenti e brevi. La Fatina è qualcosa di veramente insolito, non il solito cliché di gioco sessuale, né poi dal punto di vista stilistico qualcosa di banale; Il Sogno è un capitoletto tantrico, dove emerge la predisposizione panica di Cécile.

Il legame tra le due amiche è il fulcro di tutto, però poi non so se è stato per esigenze editoriali, o per esigenza personale, ma non hanno osato troppo alla prima esperienza artistica – con un romanzo lungo – addentrandosi nelle maglie del rapporto tra le due, nelle maglie delle loro stesse anime, non saprei dirlo… un pò questo mi ha lasciata insoddisfatta. C’è troppo carnevale dei sensi e l’anima viene appena appena accennata, il che è troppo banale dato che si parla di letteratura erotica scritta da donne; il lettore non riesce a saziarsi. Ci vuole molto di più; tutti lo sanno che scrivere di sesso è relativamente facile, scrivere dell’anima che governa o si fa governare, dai sensi, è cosa molto più complessa. Alle volte, ad esempio, persino le descrizioni delle posizioni rendono faticoso capire chi sta facendo cosa a chi e come, e lo stile è molto disomogeneo, ma forse piace anche per questo, perché è frizzante e veloce. Alle volte sembra che le scrittrici si siano trattenute fin troppo, che si siano dosate molto, specie nella parte linguistica del soggetto. La conclusione mi pare un pò forzata, sempre con l’impressione del carnevale, del carosello, che è un pò approssimativa, ma piacevole, (perché comunque rientra appieno nello stile rapido – da racconto boccaccesco breve per necessità e praticità – divertente, colorato, che contraddistingue l’intero libro). E’ questa la cosa poi che penso arrivi più di tutte. La leggerezza spettinata e calda, divertente appunto…

In genere preferisco romanzi con risvolti più “drammatici”, che guardano più all’anima delle donne e dei rapporti, che alla crudezza degli stessi, limitandosi a parlare di porzioni di corpo come non ci fosse nient’altro di rilevante da trattare, ma tuttavia mi sento di consigliarlo perché il libro è anche corredato di cd audio-book nel quale due attrici si alternano nella recitazione, che esalta in modo morbido e senza forzatura alcuna, la bellezza complessiva che regna nel mondo delle spregiudicate Lisa & Cècile… »


Adg.

About these ads

2 Trackbacks to “Lisa e Cécile – Romanzo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: