Senza sedurre

recensione a cura di Alessandra Di Gregorio.

__

Autore: Rita Bignante

Titolo: Senza sedurre

Editore: Ibiskos Editrice Risolo

__

Senza sedurre, di Rita Bignante, mi appare, a diversi mesi dalla lettura, un buon romanzo borghese giocato sui motivi dell’amore e della femminilità. È scritto con eloquente tatto. Ha ottimi spunti di un certo tenore, pagine di rarefatta bellezza, e pagine di noiosi contorni descrittivo-esplicativi che rallentano un po’ la lettura. È però nel complesso un buon romanzo di genere, con pecche qui e lì che limitano a mio avviso l’impatto sul lettore più esigente, bisognoso di trame spoglie e sentori prepotenti – per quanto raccontanti col garbo della discrezione. Senza sedurre, a dispetto delle dolci apparenze di cui si ammanta nei momenti di cui sopra, propone prototipi letterari già noti, per quanto spesso piacevoli e toccanti.

Scelgo la specifica “borghese” perché non amo molto il romanzare contemporaneo, ricco di riferimenti al consueto immanente, spesse volte inutile ai fini della finzione letteraria (che è un fatto esclusivamente emotivo, umorale, e poi di oggetti) o al racconto di donne in apparenza nuove eppure già viste, prive di quelle effettive spinte sentite almeno nelle intenzioni, interessanti fino a un tot e poi morte lì dove sparisce il gioco fittizio del racconto scritto.

La Bignante è chiaramente a suo agio con la parola, per quanto personalmente avrei preferito un libro senza calibri – appunto borghesi e novecenteschi – che alla lunga fanno della timidezza una falsa modestia laddove l’autrice appare in verità ben in grado di spingere ed evadere dalle strutture di cui invece sceglie di servirsi.

Giochi di malizie, sottigliezze che si perdono nel narrato, accenni di letteratura; Senza sedurre è un libro sul tema del doppio, dell’Io immacolato e sozzo, senza pudicizie ridicole e altrettanto privo di volgarità urlate, nascosto però sul comodo di sentieri già solcati. Belli gli ottimi spunti di riflessione sul proprio sé e sull’amore.

__

Alessandra Di Gregorio

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: