Archive for gennaio 16th, 2009

16 gennaio 2009

E’ Uomo

recensione a cura di Alessandra Di Gregorio


e-uomo1

Titolo: È uomo
Autore: Pagliarino Guido
Editore: Boopen
Data di Pubblicazione: 2008
ISBN: 8862231113
ISBN-13: 9788862231114
Pagine: 264

(la foto di copertina corrisponde alla prima edizione dell’opera, Lulu Press Editore)

E’ Uomo, quinto saggio di Guido Pagliarino a carattere divulgativo, è un saggio che rispetto agli altri di argomento rigorosamente storico e biblico, in parte si discosta e diventa una guida intellettuale di ampio respiro, molto discorsiva e spesso pratica, pronta ad abbracciare tempi – anche cronologicamente a noi vicini – e spazi vasti, e che si fa meno nozionistico/descrittiva e contemporaneamente filosofica al punto da ripercorrere tappe importantissime del pensiero aristotelico e platonico.

Il libro affronta con meno rigore contenutistico ma mai senza abbandonare il sentiero della ragione (e forse esplicitando qui come non altrove, le convinzioni personali e fideistiche dell’Autore, nel senso non di una soggettività e parzialità invadenti, ma di una rielaborazione, esposizione e interiorizzazione dei contenuti, molto diverse e notevolmente più sentite) il discorso mai abbastanza approfondito del precetto cristiano d’amore, secondo il quale Dio è Amore e nella sua stessa divinità è contenuto il germe della sua umanità.

E’ uomo come noi perché ci ha resi a sua immagine e somiglianza e ha persino dato spoglie umane al suo unico figlio, come a volerci ricordare che siamo tutti fatti della stessa sostanza del Padre e che dunque la divinità pertiene anche a noi, come l’umanità pertiene a lui.

L’Autore dunque si pone come un maestro di fronte ad una classe di alunni imberbi, nel tentativo di ammaestrare menti acerbe a riflessioni onnicomprensive, più profonde rispetto a quelle precedenti dedicate al problema della storicità delle fonti o dei riscontri biblici, unendo qui considerazioni personali a filosofia greca e teologia; ricognizione teologica della figura di Dio nelle Scritture – soffermandosi sui molteplici aspetti dell’antica  e moderna considerazione circa la Trinità e il problema annoso del corpo e dell’anima per Giudei e Cristiani, chiamando poi in causa Sant’Agostino e Tommaso D’Aquino – e ragionamenti di carattere più colloquiale circa il mondo che ci circonda e le false interpretazioni vive ancora oggi di un Dio cristiano accomunabile secondo molti, ad altre entità religiose senza possibilità di scissione tra componenti fondamentali per il cristiano e accessorie, quando proprio del tutto inesistenti, per i fedeli di altri culti e le divinità in essi venerate.

Di nuovo, dunque, un tentativo ben riuscito – per lo meno per quanto ci riguarda – di porre di fronte allo scetticismo e all’ignoranza comune, considerazioni senza fallo, scevre dal fanatismo di talune schiere di cattolici antichi e moderni, e fondamentalmente convinte – soprattutto – che non basta essere battezzati per dirsi veri cristiani, né dover essere cristiani per consultare uno dei suoi trattati.

Adg.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: