Inchiostro vivo

recensione a cura di Alessandra Di Gregorio.

__

Inchiostro Vivo è un romanzo breve piuttosto interessante. Ha una struttura concentrica, si presenta come un testo metanarrativo, al limite del cinematografico per alcuni aspetti; romantico e disincantato, testardo e puerile; attuale per la forte contestualizzazione, eppure non limitato al dato materiale quanto a quello concettuale. Uomo e scrittore fusi in un filo d’inchiostro. Finali da scrivere in punta di dita ed esistenze immaginate, vissute, assaporate, cancellate e poi riscritte. Cosa accadrebbe se scrittore e personaggio coesistessero conducendo vite parallele, separate solo in apparenza? Franzoso, che ha uno stile molto naturale, un lessico estremamente gradevole, e una capacità rielaborativa del pensiero, piuttosto intelligente, crea una impalcatura ideale coi fiocchi, fondendo in un solo concetto – da cui il titolo – un dato inoppugnabile: scrivere vuol dire dare ordine alla vita, non solo alle idee, e chi scrive, sta sempre parlando di sé. Se non di un sé tangibile, di uno sicuramente più metafisico ma comunque afferrabile.

__

Alessandra Di Gregorio

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: