Posts tagged ‘Caravaggio Editore’

10 gennaio 2009

Eva Russo

Intervista all’autrice Eva Russo, che ha pubblicato «La mia vita in una scatola di biscotti»

————————- intervista a cura di Alessandra Di Gregorio


A: Scrivere. Perché?

E: Perché almeno una volta nella vita ti sei innamorata di un libro.

A: Scrivere. Cosa?

E: Storie, frasi e parole che sbocciano nella tua testa come fiori in una serra.

A: Tu come scrittore/scrittrice. Chi sei e come ti poni?

E: Un povero diavolo direi. Scrivo e racconto come facevano i miei bisnonni nelle stalle, le sere d’inverno più di un secolo fa. Un menestrello dei tempi moderni intrisa di passato come un cantuccio nel vinsanto!

A: La penna per te corrisponde a…?

E: Un prolungamento del mio cervello. Anche se per ovvie ragioni sono costretta ad utilizzare un computer, scrivo ancora molto “penna su carta”: tutti i miei scritti vengono fuori dalla punta di una stilografica prima di essere battuti al computer.

A: Come ti collocavi nei confronti della scrittura prima di pubblicare un libro, e come ti senti adesso, stando ufficialmente su questo palcoscenico che si reinventa di continuo?

E: Io mi ritengo una serva della scrittura e così era anche prima che io pubblicassi. Sono alla ricerca della mia storia, quella storia magnifica a cui legherò il mio nome e intanto lascio che la scrittura mi usi per manifestarsi.

A: Se dovessi usare tre aggettivi per definire il tuo stile ponendoti però a distanza da esso, ovvero come il lettore della situazione e non come l’autore del libro in questione, quali useresti e perché?

E: Fluttuante: perché le parole sembrano vagare nell’aria prima di trovare il loro posto nelle frasi. Fragrante: aggettivi, immagini, paragoni – una scrittura che si presenta come una fetta di torta al cioccolato ripiena di crema (appunto) colori, gusti ed emozioni che si mischiano per mostrasi a pieno… o almeno ci provano. Fuggevole: o dovrei dire mutevole (ma se lo avessi fatto non avrei avuto tre aggettivi con la F . In effetti credo che il mio stile si stia ancora “evolvendo”…

A: Il tuo libro: riassumilo brevemente e spiega perché qualcuno dovrebbe scegliere di acquistarlo, leggerlo e poi riporlo con cura nella propria biblioteca personale.

E: Anche se la mia è una storia personale con una forte dose di fantasia aggiunta, ci sono momenti di vita in cui è facile riconoscersi e credo che la storia sia anche divertente in alcuni punti. Il fatto che sia breve ne rende la lettura non “troppo faticosa”, insomma: un libro ideale anche per chi non ama leggere ^_^

A: Modelli, forme, criteri e scelte. Si parla molto di tecniche di scrittura creativa e di chi si dice pro o contro. Cosa ti guida, allora, da un punto di vista squisitamente tecnico, durante il flusso della scrittura?

E: Leggo molto e leggo di tutto, dalla Divina Commedia ai manuali di bricolage e i diversi stili si depositano nel mio “disco rigido”… sono onnivora per questo il mio stile  così meticcio. Non sono molto brava ad analizzare ciò che scrivo, quello che cerco di fare però è creare un’atmosfera tangibile intorno ad ogni frase. Uso perciò molti aggettivi consciamente, anche se riconosco che lo stile ne risulta un po’ appesantito. Amo gli autori che usano molti attributi e amo usarli a mia volta.

A: Le occasioni. Cosa ti emoziona, cosa ti stimola il ricorso alla penna? L’uso che ne fai, è per metabolizzare esperienze biografiche – e per esperienza biografica s’intendono anche quelle concernenti l’anima o fatti derivati dalla propria immaginazione/fantasia spinta – o si pone come “sforzo” d’immaginazione per riempire fogli che altrimenti sarebbe un peccato lasciare vuoti? Vale a dire: scrittura d’occasione o scrittura per mestiere?

E: In effetti non ricordo di avere fatto altro che scrivere da quando ne sono stata capace. Prima scarabocchi e letterine, poi i diari, che ancora tengo… almeno due all’anno, uno di registrazione “emotiva” delle mie giornate e uno per annotare i progetti e le idee che mi frullano in testa. Da un anno a questa parte è nato il mio desiderio di far conoscere a tutti queste idee frullanti e ho incominciato così a scrivere e creare in maniera strutturata… ehm… spasmodica. ^_^

A: Post stesura finale. Metabolizzi in quali modi la fine della stesura di un’opera, ovvero: la lasci mai andar via, o ne resti schiacciato al punto che una critica, una osservazione su di essa, ti pungono fino a farti male? Qual è la tua sensibilità d’artista. Parlaci della tua esperienza diretta.

E: Tanto per incominciare non rileggo volentieri ciò che scrivo: quando è scritto in un certo senso non mi appartiene più (anche se ammetto di avere una copia del mio libro sullo scaffale :)) Non sono particolarmente difensiva nei confronti dei miei scritti e sono aperta alle critiche costruttive. Vedo anch’io i difetti di ciò che scrivo e non sono mai polemica per “principio”. Se le critiche sono fatte solo per insultare allora mi innervosisco, ma in generale non perdo tempo a discutere con le persone poco educate.

10 gennaio 2009

Gaia Conventi

Intervistando Gaia Conventi, autrice de «Una scomoda indagine e un cane fetente»

——————————- intervista a cura di Alessandra Di Gregorio


A: Scrivere. Perché?

Scrivere perché si ha qualcosa da comunicare, altrimenti si scrive di aria fritta e la gente se ne accorge. Scrivere, soprattutto, perché ci piace farlo… verranno momenti in cui lo si farà per mestiere, per soldi. La gente se ne renderà subito conto, i lettori amano chi scrive mettendosi in gioco.

A: Scrivere. Cosa?

Scrivere ciò che ci piace leggere, tentando di migliorare ad ogni occasione. Non importa il genere o il tema, ma se si scrive di un argomento bisogna masticarlo bene. Come diceva Einstein, hai capito veramente una cosa solo quando riesci a spiegarla a tua nonna. Parole sante! Prima di ogni storia c’è una ricerca, che sia storica o interiore. Mai partire senza avere nulla in mano, si fa poca strada e si arranca di continuo. Non ne uscirà un buon lavoro.

A: Tu come scrittore/scrittrice. Chi sei e come ti poni?

Scrivo noir e gialli, sono una scrittrice che vuole regalare brividi e sano umorismo nero. Non mi prendo troppo sul serio nella vita, figuriamoci come scrittrice! Mi basta poter tenere compagnia a chi mi legge, lascio le cose serie a scrittori più capaci. Non mi offendo quando mi dicono che scrivo “letteratura da spiaggia”, la gente ha bisogno anche di libri leggeri… sennò si suicida guardando i telegiornali!

A: La penna per te corrisponde a…?

Corrisponde ad una moleskine e a notes vari, penna sempre in tasca, appunti al volo. Poi, con calma, butto giù la prima stesura al pc. Il belletto viene dato in seguito, prima stendo l’ossatura della storia. I gialli sono come i giochi enigmistici, tutto deve tornare alla perfezione. Ricami e riccioli li aggiungo dopo, sono la parte più divertente della lavorazione.

A: Come ti collocavi nei confronti della scrittura prima di pubblicare un libro, e come ti senti adesso, stando ufficialmente su questo palcoscenico che si reinventa di continuo?

G: Ho pubblicato diverse cose, soprattutto a quattro mani con Stefano Borghi, autore milanese pluripremiato a concorsi letterari nazionali. Assieme abbiamo scritto antologie di racconti noir. Il mio ultimo lavoro, invece, è un giallo ironico, “Una scomoda indagine e un cane fetente”, vincitore del Premio Adamantes 2008 di Caravaggio Editore e del “segnalibro d’oro” a “Esperienze in giallo Piemonte Noir 2008. Ho iniziato a pubblicare nel 2007, prima sono apparsa in alcune antologie e ho scritto online su siti dedicati ai racconti. Il mio modo di approcciarmi alla scrittura non è cambiato in questi anni, scrivo perché mi diverte farlo. Non sono di quelli che “scrivevo ancor prima d’imparare a leggere”, figuriamoci! Ho iniziato a scrivere online, per puro caso, nel 2003. Ho scoperto che la cosa mi viene bene, non mi sono più fermata.

A: Se dovessi usare tre aggettivi per definire il tuo stile ponendoti però a distanza da esso, ovvero come il lettore della situazione e non come l’autore del libro in questione, quali useresti e perché?

G: Un mio vicino di casa, che mi segue con affetto, dice che scrivo in maniera lineare, ironica e matematica. Ti confesso che odio la matematica ma sono una grande amante dell’enigmistica, dai rebus ai giochi di parole. Credo che in quanto scrivo ci sia un pochino di questa mia passione, soprattutto la ricerca del particolare, il meccanismo che non deve incepparsi fino alla fine. Cerco di scrivere in maniera semplice, solo così il lettore può seguire una storia complicata, chi legge gialli vuole scoprire il colpevole… paroloni e ricerca linguistica sarebbero fuori luogo. L’ironia è sempre presente nei miei lavori, sono una persona che ama ridere, un’ottimista in tempi di crisi, una che non cede mai al malumore.

A: Il tuo libro: riassumilo brevemente e spiega perché qualcuno dovrebbe scegliere di acquistarlo, leggerlo e poi riporlo con cura nella propria biblioteca personale.

G: Come ti dicevo, scrivo libri d’intrattenimento. I miei noir vogliono scatenare un brivido lungo la spina dorsale, mentre coi gialli cerco di dare una visione quotidiana del delitto. In fondo, e lo vediamo tutti i giorni, la gente uccide per le cose più assurde e banali… a questo aggiungo un po’ di umorismo e personaggi simili a noi. Mai troppo sfigati, mai troppo geniali, con piccole manie. Il mio ultimo giallo “Una scomoda indagine e un cane fetente” ha tra i suoi protagonisti qualcuno che non ti aspetteresti di trovare, un cane. Non è Lessie, non parla, non risolve il caso, è soltanto un cane un po’ più in gamba della media. Ho avuto un cane simile, non mi sono poi inventata molto, devo confessarlo. Con lui anche il suo padrone, un fotografo della scientifica un po’ fuori dal comune, amante dei libri di Liala e attento ad immortalare con occhio critico le ultime pose degli sventurati cadaveri con cui ha a che fare. Anche la vittima di questa storia è un tantino fuori dal comune, un ometto di mezz’età, trovato in abiti femminili. Insomma, un giallo leggero e divertente, con spunti risibili e indagini incalzanti. Il finale è la sorpresa migliore, ovviamente su questo non posso aggiungere altro.

A: Modelli, forme, criteri e scelte. Si parla molto di tecniche di scrittura creativa e di chi si dice pro o contro. Cosa ti guida, allora, da un punto di vista squisitamente tecnico, durante il flusso della scrittura?

G: Scrivere mi riesce piuttosto facilmente, la storia la immagino durante la giornata, mentre faccio tutt’altro. Mi fermo, segno l’appunto, proseguo in quel che stavo facendo. Quando decido che è giunto il momento di mettermi davanti alla tastiera, rileggo gli appunti e parto in quarta. Probabilmente modelli e scelte li ho involontariamente immagazzinati durante la lettura di tutti i libri che ho incrociato sul mio cammino. Leggo generi diversi, solo così si ha poi un’idea globale dell’argomento di cui si vuole trattare. Ma, in pieno contrasto col mio ultimo personaggio, non leggo Liala!

A: Le occasioni. Cosa ti emoziona, cosa ti stimola il ricorso alla penna? L’uso che ne fai, è per metabolizzare esperienze biografiche – e per esperienza biografica s’intendono anche quelle concernenti l’anima o fatti derivati dalla propria immaginazione/fantasia spinta – o si pone come “sforzo” d’immaginazione per riempire fogli che altrimenti sarebbe un peccato lasciare vuoti? Vale a dire: scrittura d’occasione o scrittura per mestiere?

G: Scrittura d’occasione che un po’ di è fatta mestiere. Sto scrivendo un giallo, una storia ambientata a Ferrara, città in cui ho vissuto e che amo. A volte può succedere che non ci sia l’idea buona, ma i tempi sono quel che sono e bisogna andare avanti. Si ricorre così ad alcuni artifici già usati in altre storie, li si adatta e improvvisamente diventano il passo giusto per proseguire e andare oltre. Se si scrive molto, da molto tempo, si imparano i trucchi che permettono di sublimare la giornata scarna di idee geniali. La stesura di un libro è cosa lunga, non si è al top in ogni pagina ma è il risultato finale quello che conta. Ovviamente nel mio giallo ferrarese c’è molto di me, conosco i posti, le persone e l’ambiente. Una parte si svolge durante il palio cittadino, che per anni ho vissuto in prima persona. Tutto il resto sono delitti che ho immaginato pensando a diverse parti della città, c’è chi passeggia in centro guardando i negozi e chi, come me, cerca il posto giusto per un ritrovamento ad effetto. E quando parlo di ritrovamento è come se fossi il protagonista di “Una scomoda indagine e un cane fetente” che con la Nikon immortala la scena. Ah, già, scordavo… amo fotografare e uso una Nikon.

A: Post stesura finale. Metabolizzi in quali modi la fine della stesura di un’opera, ovvero: la lasci mai andar via, o ne resti schiacciato al punto che una critica, una osservazione su di essa, ti pungono fino a farti male? Qual è la tua sensibilità d’artista. Parlaci della tua esperienza diretta.

G: Quel che ho scritto non mi appartiene più, a volte dimentico persino i titoli! Se una cosa deve rimanere propria, è meglio non farla mai uscire dal cassetto. Che sia pubblicata su carta o in un sito web, diventa di altri, di chi la legge. Può piacere, può ricevere critiche negative, per me non è mai un problema. E’ impossibile piacere a tutti, è una cosa che mi hanno insegnato fin da bambina. A questo, con gli anni e le uscite dei miei libri, ho aggiunto un po’ di sano menefreghismo… ironia e autoironia stanno alla base della mia vita. Ad una critica feroce rispondo sempre con una battuta di spirito. Te lo dicevo, per abbattermi ci vuole ben altro!

27 dicembre 2008

Il Frutto del Peccato

recensione a cura di Alessandra Di Gregorio.

Ringrazio Francesco Lodigiani per l’invio del libro.


il-frutto-del-peccato2

Titolo: Il frutto del peccato

Autore: Lodigiani Francesco

Editore: Caravaggio Editore

Data di Pubblicazione: 2007

Collana: Somnium

ISBN: 8895437055

Pagine: 264



Il Frutto del Peccato rimanda a concezioni nient’affatto stucchevoli. Ci sorprende in un Autore esordiente un tale calderone di idee e filosofie, e ci sorprende anche la mancanza, per contrasto, di una forte – o forse solo di una giusta – impalcatura generale del romanzo, oltre che la mancata gestione dei contenuti stessi, che avrebbero meritato una mano più abile o forse solo più paziente. Il Frutto del Peccato è una science fiction atipica che coniuga fatalismo biblico, relatività, esistenzialismo, teorie evoluzionistiche e apparato fantastico, peccando spesso di scoordinazione, quando non di vero e proprio ottimismo verso i propri mezzi. Il libro – che ha per protagonisti Harlan, un giovane intrappolato in un mondo tutto inventato, dove lo scienziato Archete, suo padre, si adopera per sostituire i corpi umani con corpi meccanici immortali, e costruisce parco giochi della morte, e Talete, l’essere onnisciente che tutto sa e tutto svela, prendendo per mano Harland e portandolo a spasso dagli albori della civiltà in avanti – si presenta scritto con una prassi linguistica insufficiente a garantirne l’apprezzamento quando non addirittura la comprensione di interi periodi; poco curato nella sintassi come anche nella parte tematica che, qualora fosse stata meglio supportata da una migliore propensione alla narrazione, o semplicemente da un vocabolario meno limitato, avrebbe avuto l’impatto che meritava, invece di sprofondare nella massa indistinta di pensieri che potrebbe aver tranquillamente trascritto un dodicenne. Il soggetto in sé però appare valido, questo è sicuro – fatta eccezione per una serie di particolari più o meno grandi che provocano nel lettore quasi una patina d’imbarazzo a trovarseli di fronte – ma la vera pecca è forse un’altra, ovvero quella di aver avuto probabilmente troppa fretta di pubblicare. Io avrei atteso tempi più maturi, vuoi per assistere una vena artistica latente o semplicemente immatura, quindi ancora da mettere alla prova, vuoi per poter fare più ricerche e produrre un’opera di genere che fosse più soddisfacente e completa – qui abbiamo l’ampiezza ma non abbiamo la completezza; non mi piace parlare del genere letterario praticato dall’Autore, perché poi le scelte sono meno ovvie di quelle che normalmente si crede, ma la science fiction presuppone di essere più credibile di quanto lo sia un articolo di cronaca, proprio per la sua natura straordinaria – solo che qui più che straordinario, abbiamo a che fare con l’eccentrico al limite del ridicolo. Qui di credibile c’è molto poco – di credibile in senso strettamente narrativo – perché manca una struttura salda, sia linguistica che no, e il romanzo perde terreno per le troppe arbitrarietà letterarie e quindi anche la trama finisce per scivolarci via dagli occhi. Tuttavia, volendo cogliere lo spirito e le intenzioni autorali – cose che non vanno mai dimenticate – possiamo rintracciare una visione notevole; se volessimo andare proprio al nocciolo della questione, diremo che la visione dell’Autore, di quello che è ai suoi occhi – filosoficamente o meno – il frutto del peccato dell’uomo, è qualcosa di ineludibile, perché il sentimento d’amore, come spiega Talete – l’unico personaggio che si salva veramente tra tutti quelli creati dal Lodigiani – è quello che ci ha reso ciò che siamo, quello che ci ha dannato, perché se la gente ama, obbligatoriamente odia e le conseguenze le conosciamo perfettamente. In effetti è davvero Talete la creatura più interessante e forse la meglio delineata del romanzo, ma il Lodigiani pecca sicuramente nella mancata forza evocativa, pecca per via di una scrittura elementare, di una costruzione del romanzo molto approssimativa, troppo approssimativa per la forte carica filosofica che invece lo pervade e che abbisognava di più cura, di più attenzione, di più ripensamenti. Il Lodigiani ha toccato molti tasti sensibili, ma per la fretta di pubblicare, a mio avviso, li ha sfiorati solo superficialmente, offrendo alla fine un prodotto piuttosto criticabile e lacunoso. Di buono c’è il fatto che si trattava, per l’Autore, della prima vera prova; si spera che il tempo e l’esercizio scrittorio riescano a donare più lustro alla sua scrittura, la quale dovrà incanalarsi certamente in uno sbocco personale più maturo che eviti di farlo passare per uno scrittore sprovveduto, quale sicuramente non è.

Adg.

26 dicembre 2008

Uomini, Donne e Manichini

Recensione a cura di Alessandra Di Gregorio

uomini-donne-e-manichini1
Titolo: Uomini, donne & manichini.
Autore: M. Rosaria Calamita
Editore: Caravaggio Editore
Data di Pubblicazione: 2008
Collana: Fuori collana
ISBN: 889543708X
Pagine: 65

Uomini, Donne e Manichini è forse più di un semplice pamphlet e credo – e ciò è evidenziabile anche di fronte all’occhio meno allenato e alla coscienza meno sveglia – che l’Autrice non abbia ancora piena cognizione di quanto affermato in queste pagine intrise di denuncia e delusione. La Calamita affronta il costume odierno con la leggerezza linguistica e la bonaria pignoleria di chi è punto nel vivo da un fatto verificato in prima persona e purtroppo pesantemente sotto agli occhi di tutti – al punto da non destare quasi più preoccupazione ma da diventare un ulteriore sintomo della massificazione dei gusti popolari. Reduce dalla partecipazione al noto programma d’intrattenimento pomeridiano targato Maria De Filippi, la Calamita ne svela, senza velleità di persuasione né di scientificità, la trappola e il desolante fallo. Da qui l’osservazione scontata del lettore puntiglioso: il problema non è tanto poter avere sufficienti prove della banalità dei modelli proposti e avallati da taluni media, a discapito di altri più veritieri e concreti e sicuramente dal valore innegabile – che la nostra società a carattere tradizionale ha saputo mantenere e conservare a discapito di innovazioni provenienti da usi e costumi ritenuti meno nobili proprio perché provenienti dal modello televisivo – che una buona coscienza dovrebbe saper rintracciare nell’intricato mondo della socialità e del costume odierni, ma è forse riuscire a capire le ragioni per cui dover supplire alla mancanza di occupazione o di status sociali particolarmente rilevanti, nei modi fuorvianti e preordinati, scelti per noi da media tutto sommato impalpabili, che con la vita al di fuori da uno schermo hanno poco o nulla a che vedere. La Calamita affronta con spiccata verve, attraverso uno sguardo non disinteressato, il difficile mondo dello spettacolo e la ridicolaggine e faciloneria cui vengono sottoposte le ragazze “normali” che su quel palco imbellettate si presentano, in nome di una perfezione stereotipata e insalubre, in nome di una civetteria inutile e vacua, di un appiattimento dell’intelletto e dei gusti personali, predicando però – dopo l’esperienza concreta – una normalità sana e oltremodo non in contrasto coi modelli realmente praticabili. Tuttavia, anche giunti alla fine di questo libercolo, resta nel lettore la necessità di chiarificare sempre lo stesso punto: «bisogna davvero sperimentare il rifiuto di un palcoscenico notoriamente falso ed illusorio, prima di comprendere che le scorciatoie non portano a niente e che i modelli proposti dalla televisione, oggi più che mai, servono solo ad imbonire spettatori e figuranti facili a cadere nel dimenticatoio?»

Adg.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: